Ancora nessun commento

Vayechi (e viveva): Giuda diventa il leader di Israele

Vayechi (e viveva)
Genesi 47: 28-50: 26; 1 Re 2: 1-12; Giovanni 10: 1-21

“ E Giacobbe visse (Vayechi Yaacov) nel paese d’Egitto diciassette anni; così i giorni di Giacobbe, gli anni della sua vita, erano un centinaio di quaranta e sette anni.”   (Genesi 47:28)  

Questa settimana porzione di Torah, Parasha Vayechi (e ha vissuto), è la lettura Shabbat finale dal libro della Genesi (Bereisheet). E ‘anche la Parasha finale del 2015.

Nello studio della scorsa settimana, Joseph ha rivelato la sua identità ai suoi fratelli e li ha invitati, così come suo padre, vivere in Egitto al fine di fornire per loro durante la carestia. Giuseppe, i suoi fratelli e suo padre sono stati riuniti con gioia e riconciliati.

Parasha Vayechi conclude il primo libro della Bibbia con la morte di Jacob, così come quella di Giuseppe.

Torah Reading Shabbat

Lettura del Torah nel corso di un servizio di Shabbat

Longing ebraica per la Terra Promessa

In questo Parasha, Jacob costretto Joseph a voto di portare il suo corpo torna alla terra dei suoi padri e seppellirlo lì. Joseph ha accettato la richiesta del padre morente di non lasciare il suo corpo in Egitto.  (Genesi 47: 29-30)

Anche se Jacob aveva vissuto gli ultimi 17 anni della sua vita in Egitto, non ha mai dimenticato il Dio Terra gli aveva promesso da Alleanza divina .

Da quando Dio chiamò Abramo uscire da Ur, i popolo ebraico non hanno perso di vista la terra promessa data a loro attraverso Isacco e Giacobbe. Anche quando  Nabucodonosor ha preso  il popolo di Israele in cattività, si sono seduti con i fiumi di Babilonia piangere e ricordare Zion, giurando di non dimenticare mai la sua.

“Se ti dimentico, Gerusalemme, che la mia mano destra dimenticare la sua abilità! Se io non mi ricordo di te, lasciare che la mia lingua si aggrappano al tetto della mia bocca – Se io non metto Gerusalemme al di sopra di ogni mia gioia “.   (Salmo 137: 5-6)

Dobbiamo capire questo desiderio eterno piantata nell’anima ebraica di comprendere la feroce determinazione del popolo di Israele di rimanere nella terra che Dio ci ha promesso attraverso i nostri antenati, Abramo , Isacco e Giacobbe . Molti mantenere un forte legame emotivo con la Terra di Israele, anche vivendo in esilio tra le nazioni del mondo.

Terra Olim-Promessa

Olim britannici (immigrati) in Israele mostrano con orgoglio i loro nuovi documenti di cittadinanza.

Jacob benedice Efraim e Manasse

Quando Giacobbe si ammalò, Joseph ha portato i suoi due figli prima di suo padre per una benedizione . Jacob ha chiesto che i due ragazzi erano e Giuseppe rispose: “Sono i figli che Dio mi ha dato in questo luogo.”   (Genesi 48: 9)

Quando vide i figli di Giuseppe, ha pensato solo della bontà di Dio. Israele disse a Giuseppe: “Io non avevo pensato di vedere il tuo volto; ma in realtà, Dio mi ha anche mostrato la tua discendenza”   (Genesi 48:11)

Alla fine della sua vita, Jacob ha lodato il Signore per la sua bontà estremamente abbondante, pur avendo sperimentato molte difficoltà e prove.

la bontà di Dio non solo ha soddisfatto, ma anche superato le sue aspettative.

“Gloria appartiene a Dio, il cui potere è all’opera in noi. Con questo potere Egli può fare molto più di quanto possiamo domandare o pensare.”   (Efesini 3:20)

Giacobbe benedisse i figli di Giuseppe Efraim e Manasse; tuttavia, in una mossa a sorpresa, ha messo la sua mano destra sul Efraim, che era il più giovane, e la sua sinistra su Manasse, che era il primogenito e dovrebbe avere giustamente ricevuto la benedizione primario.

“Così li benedisse in quel giorno, dicendo: ‘Per te Israele benedirà, dicendo:‘Dio ti renda come Efraim e come Manasse!’’ E così mise Efraim prima di Manasse.”  (Genesi 48:20)

Jacob Blessing Efraim e Manasse, da Benjamin West

Jacob Blessing Efraim e Manasse, da Benjamin West

Ancora oggi, molti padri ebraici saranno benedire i loro figli il Venerdì sera, quando le famiglie inaugurare l’ sabato (Shabbat), dicendo: “Che Dio vi renda come Efraim e Manasse (Ye’simchs Elohim ke’Efrayim ve’khe-Menasheh) .”

Ma perché dovremmo benediciamo i nostri figli ad essere come Efraim e Manasse? Qual è stato così speciale questi giovani?

Anche se sono nati nella pagana, la cultura idolatra in Egitto, sono rimasti fedeli al culto del Dio di Israele.

Questo è ciò che desideriamo per i nostri figli, che nonostante sia circondato da un mare di etica discutibile e la morale, essi crescono fino a essere di buon carattere, trattenendo la fede nel vero Dio, adorandolo in spirito e verità, mantenendo la Torah che è stato scritto sui cuori di coloro che seguono Yeshua  (Gesù).

Quando noi benediciamo i nostri figli ad essere come Efraim e Manasse, li stiamo esortandoli a resistere alla pressione dei pari negativa e l’immoralità della società in cui vivono, e invece valere per i valori li abbiamo insegnato dalla Parola di Dio.

“E non vi conformate a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, in modo da poter discernere la volontà di Dio è, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto.”   (Romani 12: 2)

Attraverso la sua benedizione, Jacob elevato questi due nipoti di essere su un livello di parità con i propri figli. Manasse ed Efraim è diventato leader della loro tribù, che rappresenta la casa di Giuseppe, che riceve la propria porzione di territorio, e sventolando le loro bandiere.

Padre-Figlio-Kotel-Wall-Promised Land

Pregare insieme: Padre e figlio presso la Western (Wailing) Wall a Gerusalemme

Benedizioni profetiche di Giacobbe oltre 12 tribù

“Giacobbe chiamò i suoi figli, e mi ha detto: ‘Come Together che io dirò quello che è quello di accadere voi, alla fine dei giorni. Assemblare e ascoltate, figli di Giacobbe, e ascoltate Israele, vostro padre ‘”.   (Genesi 49: 1-2)

Jacob, ovviamente, non ha solo benedire i suoi nipoti, Efraim e Manasse. Egli ha anche chiamato tutti i suoi figli insieme per benedire e profetizza su di loro sul letto di morte. Tutti loro sono stati benedetti, nel senso che sarebbero tutti entrare nella Terra Promessa e ricevere un’eredità lì.

Le benedizioni sono state accuratamente costruiti e appropriato per l’individuo. Essi sono stati spesso basati su comportamenti passati che è stato proiettato al di là della vita di questi figli ai loro discendenti.

donna ebrea e Land bambino-Gerusalemme-Promessa

donna prega ebrei il Kotel (Muro del Pianto)

Quando Giacobbe benedisse il figlio primogenito, Ruben, non dargli la parte doppia o preminenza di solito riservato ai figli primogeniti. A causa di instabilità di Ruben, la sezione in doppio è stato dato a Giuseppe e preminenza è stata data a Giuda.

Lo ha fatto perché Reuben dormito con la concubina di Giacobbe, Bila, che ha rivelato la sua brama di potere sulla famiglia. In altre parole, prendendo possesso di harem di un leader ha rivelato un tentativo di usurpare la sua autorità. Per questo motivo, Jacob resistito dando Reuben una posizione di preminenza.

Quando Giacobbe benedisse Simeone e Levi, imprecò la loro rabbia per il loro ruolo nel massacro di Sichem dopo che la figlia di Giacobbe Dina è stata violentata.

Anche se la rabbia è stata una risposta raccordo, non è stata una giusta rabbia o indignazione. Hanno ingannato gli uomini di Sichem in un accordo di pace falsa e usato come una trappola per ucciderli.

La loro violenza era così eccessiva che hanno anche garretti i buoi.

Altri figli erano benedetti con la bellezza e la fertilità (Giuseppe); rapidità di un cervo (Neftali); ferociousness di un lupo (Benjamin); borsa di studio (Issacar); potenza militare (Gad); e così via.

Seduzione di Dinah, figlia di Lea, da James Tissot

Seduzione di Dinah, figlia di Lea, da James Tissot

Jacob proclama Giuda il leader delle tribù di Israele

“Giuda, tu sei colui che i tuoi fratelli loderanno; la tua mano sarà sulla nuca dei tuoi nemici; figli di tuo padre si prostreranno davanti a te “.   (Genesi 49: 8)

Quando il popolo d’Israele vennero fuori dalla schiavitù in Egitto, Giuda divenne “santi” di Dio:

“Quando Israele uscì dall’Egitto, la casa di Giacobbe da un popolo barbaro; Giuda divenne il suo santuario [kodesh], Israele il suo dominio [memshalah] “.   (Salmo 114: 1-2)

La parola tradotta santuario è k’dosho (קָדְשׁוֹ) , che significa santità o parte sacra. Esso deriva dalla parola kadosh (קדוש) , il che significa santo o messo da parte .

Un uomo ebreo ortodosso prega alla Western (Wailing) Wall utilizzando un siddur (ebraica libro di preghiere).  La scatola e cinghie nere sono tefillin (filatteri), che sono messo su durante la preghiera del mattino.

Un uomo ebreo ortodosso prega alla Western (Wailing) Wall utilizzando un siddur (ebraica libro di preghiere). La scatola e cinghie nere sono tefillin (filatteri), che sono messo su durante la preghiera del mattino.

In Giuda vediamo la chiamata alla santità . Anche se ha mostrato vuoti di santità e di buon senso, a volte, ha salvato la vita di Joseph dall’ira di suo fratello dopo che lo gettarono in un pozzo. E, più tardi, Giuda era l’unico fratello disposto a schiavizzare la propria vita per liberare il fratello Benjamin.

Queste azioni hanno rivelato tratti del carattere simile al nostro Messia – Colui che ci salva dalla morte spirituale e ci libera dalla schiavitù spirituale.

Quando non siamo sicuri di cosa di cui essere grati, siamo in grado di lodarlo e ringraziarlo per questi doni di libertà. In realtà, la parola ebraica per Ebreo viene da Giuda (Yehudah יהודה) , dalla radice YDH – yadah (ידה) , il che significa per ringraziare .

Lia, moglie di Giacobbe, ha usato un gioco di parole nel nominare il suo ultimo figlio di Giuda (Yehuda), dicendo che ora avrebbe lode (yadah – grazie) il Signore (Genesi 29:35).

E l’apostolo Paolo ha detto che un vero Ebreo, interiormente, è colui che loda (grazie) il Signore, sia ebreo o Gentile (Romani 2: 28-29). 

Ebrei fratelli-Gerusalemme-Terra promessa

fratelli ortodossi giocano alla fontana Lions a Gerusalemme

Jacob paragona anche a Giuda di un cucciolo di leone; pertanto, la tribù di Giuda è noto come Gur Ariyeh (cucciolo di leone) .

“Giuda è un leoncello [Gur Ariyeh]; dalla preda, figlio mio, sei tornato. Si inchina, si stende come un leone; e come un leone, chi lo farà risvegliare “?  (Genesi 49: 9)

In effetti, dalla tribù reale di Giuda uscì re, legislatori e il Redentore promesso, il Messia, il Re unto di Israele – Yeshua HaMashiach!  

Come profetizzato, un giorno, il dominio della sua autorità si estenderà a tutto il mondo. A Lui, ogni ginocchio si piegherà e ogni lingua proclami Egli è il Re dei re e Signore dei Signori (Filippesi 2:10).

Leone della Tribù di Giuda

Una statua del Leone della Tribù di Giuda in una sinagoga americana.

Jacob profezie della venuta del Messia

“Lo scettro non sarà rimosso da Giuda, né il bastone del comando tra i suoi piedi, fino a quando arriva Shiloh; ed a Lui sarà l’obbedienza dei popoli.” (Genesi 49:10)

Il significato della parola Shiloh come viene usato in questo versetto è stato oggetto di molte discussioni tra gli studiosi della Bibbia. Letteralmente, significa che è il suo o lui di chi è . Questa parola è, forse, anche un titolo messianico ed è stato usato come sinonimo per il Messia .

Proprio come questo versetto profetizzato, il Messia è venuto prima di Roma rovinato Gerusalemme nel 70 dC ed essenzialmente esiliato Giuda. Dopo di che, lo scettro da Giuda e la loro sovranità su Israele si è conclusa.

E ‘interessante notare che la profezia di Jacob – che lo scettro non sarà rimosso da Giuda – contiene tutte le lettere dell’alfabeto ebraico, tranne uno – la lettera zayin (ז), che rappresenta la parola ebraica per arma.

Questo, forse, indica che quando il Messia sarebbe venuto per la prima volta, Egli non sarebbe venuto con armi fisiche. Infatti, Gesù tenne il personale sovrana di Dio stesso, rilasciando l’oppressione spirituale e impostando i prigionieri liberi attraverso lo Spirito Santo di Dio (Ruach HaKodesh).

Terra Torah-Gerusalemme-Promessa

uomini ebrei pagano rispetto alla Torah alla Western (Wailing) Wall.

Con il personale di Dio in mano, Gesù è venuto come il servo sofferente (Messia ben Josef).

La leadership ebraica del giorno di Yeshua, tuttavia, erano alla ricerca di uno scettro di essere sollevato da un capo militare che avrebbe conquistato gli oppressori romani con le armi e la forza (Mashiach ben David). Di conseguenza, molti completamente perso il loro Messia.

Nel corso del tempo, come il cristianesimo ha sviluppato e cristiani perseguitati ebrei nel nome del Messia, la maggioranza del popolo ebraico è venuto a definire se stessi come persone che rifiutano che Gesù è il Messia .

Eppure ci sono sempre stati credenti ebrei. Oggi molti messianiche credenti rimangono fedeli alla cultura e le tradizioni ebraica, in piedi forte contro la forza di assimilazione.

Secondo commentatori ebrei rabbinici nel Talmud (Legge orale), Jacob ha voluto rivelare la venuta del Messia alla fine dei giorni, ma è stato impedito dal Ruach HaKodesh (Spirito Santo).

“Jacob ha voluto rivelare ai suoi figli alla fine dei giorni [Ketz ha-yomin], dopo di che la presenza divina partì da lui.”  (Talmud Pesachim 56a)

Nella sua sovranità, la Ruach ha rivelato quei giorni finali attraverso molti insegnamenti di Yeshua (Matteo 24; Marco 13, Luca 21) e la visione di l’apostolo Giovanni nel libro dell’Apocalisse, così come altre profezie bibliche.

donne ebree pregano nella Sezione del muro occidentale delle donne.

donne ebree pregano nella Sezione del muro occidentale delle donne.

Ulteriori significare chiamata profetica di Giuda di Dio “santi”, il nome Giuda utilizza tutti i quattro lettere del nome proprio di Dio, YHVH (יהוה) con l’aggiunta di uno ebraico lettera Dalet (ד) , che sta per Canc o porta .

Gesù, che morì nel paese di Giuda sulla quota di esecuzione romana , è risorto ed è diventato la porta alla salvezza.

“Io sono la porta. Se uno entra attraverso di me, sarà salvato, ed entrerà e uscirà e troverà pascolo “.  (Giovanni 10: 9)

Yeshua HaMashiach è quella che i suoi fratelli ebrei sarà un giorno lode e ringraziare.

“In questo modo, tutto Israele sarà salvato, come è scritto, ‘Il liberatore verrà da Sion, Egli bandire empietà da Giacobbe.’”   (Romani 11:26; Isaia 59:20)

Invia un commento